Quanto conta l’estetica nel business?

Quanto conta l’estetica nel business?

Quanto conta l’aspetto esteriore nel business? C’è una qualche relazione tra business e look?
Il proverbio dice che l’abito non faccia il monaco, ma pensiamo che sia davvere così?

Nel momento in cui, ad esempio, ci si incontra per la prima volta per un pranzo di lavoro l’impressione iniziale sappiamo avere una certa importanza. La primissima percezione dell’altro è inevitabile che si basi quasi esclusivamente sulla comunicazione non verbale e, fino a prova contraria, consiste in un iniziale metodo di valutazione, se non di giudizio, che appare quasi spontaneo.

Ma cosa intendiamo per estetica?
Prendiamo il look, il modo in cui l’interlocutore ha deciso di vestirsi. Il solo fatto di stare ore davanti allo specchio per scegliere in maniera accurata quale sia l’abito giusto, il trucco più efficace, la migliore altezza per il tacco, ma anche la cravatta più appropriata e la lunghezza della barba ideale ci fa riflettere su quanto, secondo l’opinione di ciascuno di noi, un aspetto curato e ordinato aiutino a fare una buona impressione al primo impatto, fin dal primo momento. Siamo convinti che un vestito possa comunicare autorevolezza, affidabilità, autostima, creatività, sicurezza.

La domanda è: pensi che l’opinione possa cambiare anche radicalmente in seguito ad un conoscenza approfondita oppure sei convinto che il fattore chiave degli incontri personali e di business sia proprio l’esteriorità e che questa influenzi inevitabilmente il tuo giudizio?

Noi siamo sicuri il miglior abito che possiamo indossare sia il nostro sorriso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *