Pranzare al desk fa male alla salute

Pranzare al desk fa male alla salute

Il desk-eating è un’abitudine piuttosto diffusa tra i lavoratori più accaniti.
A chi di voi non è mai capitato di pranzare alla scrivania, davanti al pc, per terminare a tutti i costi un lavoro o rispettare una scadenza impellente?
Ecco, si tratta di una delle peggiori abitudini! Lo spuntino veloce tra una riunione e l’altra fa malissimo alla salute.
Eppure le informazioni e i consigli sul corretto regime alimentare da seguire sono alla portata di tutti e particolarmente conosciute.

I sì sono sempre per:

  • Prima colazione con latte, yogurt o succo d’arancia + carboidrati come biscotti, fette biscottate o cereali.
  • Spuntino di metà mattina con frutta o cracker.
  • Pranzo che sia il più digeribile possibile: pasta al pomodoro o con le verdure oppure un secondo piatto di carne o pesce accompagnati ad un contorno di verdure ed alla frutta.
  • Cena di un primo o secondo piatto accompagnato imprescindibilmente da frutta e verdura.

Nonostante l’educazione alimentare sia pregnante nella nostra cultura una recente ricerca condotta dal Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura ha rilevato che il 42% degli italiani pranza, velocemente e male, alla scrivania.
Gli stili di vita di ciascuno di noi sono di sicuro notevolmente diversi tra loro, ma un’alimentazione corretta è fondamentale per il benessere di tutti, indistintamente.
La pausa pranzo non è solo un momento importante per rilassarsi, ma un appuntamento fisso imprescindibile per l’apporto di tutti gli elementi nutrizionali essenziali che servono al corpo e alla mente.
Una scorretta alimentazione comporta sonnolenza, diminuzione della concentrazione e quindi scarsa produttività. Sottovalutare il momento della pausa pranzo è un grave errore.
Sappiamo bene che per chi deve pranzare fuori casa tutti i giorni potrebbe essere difficile mantenere abitudini alimentari equilibrate, ma il desk-eating spesso non soddisfa affatto il fabbisogno dell’organismo. Soddisfa, forse, momentaneamente, ma altrettanto velocemente il morso della fame torna a farsi sentire e spinge a spizzicare per tutto il resto della giornata.
Non finisce qui; alla stregua del pranzo al desk si trovano, tra le abitudini altrettanto malsane, il mega pranzo al ristorante tutti i giorni per “staccare del tutto la spina”, il panino al bare o lo snack al distributore automatico per risparmiare tempo e denaro che vengono consumati velocemente e senza avere la consapevolezza delle calorie contenutenel cibo che si sta addentando.

Fate, quindi, attenzione e godetevi la vostra leggera pausa pranzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *