Lavori da casa? Come restare produttivo

Lavori da casa? Come restare produttivo

Negli ultimi tempi sono sempre di più le persone che lavorano da casa. Che siano dipendenti o liberi professionisti non fa differenza; le nuove tecnologie consentono, in moltissimi casi, di lavorare tranquillamente al di fuori di un ufficio.
Lavorare da casa o in qualsiasi altro luogo si preferisca è sicuramente un notevole vantaggio per quanto riguarda un’innumerevole serie di aspetti. Se non si è vincolati a timbrare il cartellino in ufficio è più facile conciliare famiglia e lavoro, si evitano i costosi spostamenti per raggiungere il luogo di lavoro, si risparmiano alcuni costi fissi legati all’ufficio o alla pausa pranzo fuori casa, si può lavorare di notte e sbrigare le faccende domestiche di giorno.

Tuttavia il rischio che ci si inizi ad impigrire è sempre dietro l’angolo; è facile prendere l’abitudine di alzarsi tardi la mattina, perdersi in attività poco utili, farsi distrarre da telefonate o da impegni legati alla casa.

Ecco, allora, il decalogo dei consigli utili che ti eviterà di perdere tempo e rimanere efficiente e produttivo anche lavorando da casa:

  1. Rimani focalizzato sulle attività importanti. Durante i momenti dedicati al tuo lavoro fai attenzione a non perderti guardando la TV o impegnandoti in attività come il bucato o le pulizie di casa. Presta particolare attenzione anche a quei parenti o amici che, sapendoti a casa, potrebbero passare a trovarti o martellarti di telefonate.
  2. Crea una vera e propria “zona ufficio”. Costruire un proprio spazio ben attrezzato e tenere in ordine la propria postazione è molto importante per incentivare la concentrazione sul lavoro da casa. Definisci, quindi, un vero e proprio spazio personale dotato di tutto l’occorrente per lavorare che sia telefono, pc, stampante, prodotti di cancelleria indispensabili: questa organizzazione terrà alla larga le altre persone che sono in casa creando dei confini.
  3. Fai attenzione a due elementi in particolare: sedie e luce. Per evitare mal di schiena, cervicale, bruciore agli occhi assicurati di avere la giusta sedia per lavorare e che la “zona ufficio” che hai scelto sia bene illuminata.
  4. Equilibra le ore dedicate al lavoro e il tempo per le pause. Quei lavoratori che svolgono da casa, ad esempio, attività creative talvolta preferiscono lavorare di notte, è vero, ma risulta molto importante, più in generale, mantenere degli orari prestabiliti. Per risperrare scadenze e impegni organizza bene il tempo da dedicare al lavoro e quello per le pause relax.
  5. Prepara e rispetta una to-do-list quotidiana. La ogni mattina, prima di iniziare a lavorare, può essere utile impostare una lista delle attività da svolgere durante la giornata: in cima metti quelle che hanno un’alta priorità e quelle dotate di una certa componente di stress che solitamente si tendono a rimandare. Avere una tabella di marcia da seguire ti aiuterà a rimanere concentrato.
  6. Fissa alcune occasioni di check. Programmare delle riunioni con un cliente o con i colleghi per controllare lo stato di avanzamento di un progetto in corso è sicuramente utile per avere la corretta percezione dei progressi fatti e degli sforzi ancora da compiere in direzione di quel lavoro.
  7. Creare occasioni d’incontro interessanti. I social network possono sicuramente essere una distrazione se “usati ” in modo sbagliato; se, invece, ci si serve della comunità del mondo social per partecipare ad eventi, corsi e progetti che possono creare occasioni di incontro con persone interessanti o potenziali clienti che siano i benvenuti!
  8. Automotivarsi tramite corsi d’aggiornamento. Lavorare da casa non significa isolarsi dal resto del mondo. Per incentivare una sorta di auto-motivazione, ad esempio, può essere una buona idea iscriversi a corsi d’aggiornamento legati alle novità relative al tuo lavoro, a webinar, libri, video o audio corsi.
  9. Evita di estraniarti. Condividi il tuo lavoro se inizi a sente la solitudine del lavorare da solo, a casa. Se il lavoro in solitaria non fa proprio per te trova il modo di lavorare vicino ad altre persone: w gli in spazi di coworking.
  10. Separa nettamente lavoro e vita privata: terminato un lavoro, dimenticatene. Un rischio cui si va incontro lavorando da casa è quello di eccedere di zelo. Molto spesso chi non si impigrisce subisce l’effetto contrario; non avendo orari prestabiliti, nè colleghi chiacchieroni, ci si butta a capofitto in alcuni progetti appassionanti senza accorgersi del tempo che passa.
    Una volta finito il tuo lavoro per il giorno, chiudi la porta del tuo spazio di lavoro e dimenticatene.

Hai avuto esperienze di lavoro da casa? Raccontacela!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *