Il lavoro ti stanca? Dall’America arriva la “nap room”!

Il lavoro ti stanca? Dall’America arriva la “nap room”!

Dite la verità: chi non è mai stato colto, nel primo pomeriggio, da “abbiocco” post-pranzo?
Il desiderio di abbassare lo schienale della sedia dell’ufficio e fare un bel pisolino prima di ricominciare a lavorare è comune tra la maggior parte degli impiegati.
Niente paura: dagli States arrivano buone notizie!
Il tanto anelato riposino in ufficio è lecito! Non solo: dormire dopo pranzo aiuta addirittura a lavorare, migliorando le prestazioni!
Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Pennsylvania riposare per 15/20 minuti, dopo pranzo, in ufficio, è salutare, riduce lo stress e fa anche bene al cuore.
Fare la pennichella al lavoro diminuirebbe, inoltre, il “gap” di miliardi di dollari di perdita in produttività annuale imputata alla mancanza di riposo.
Da un recente sondaggio risulta, inoltre, che negli Stati Uniti il 30% dei lavoratori ha il permesso di dormire in ufficio e addirittura alcuni datori di lavoro offrono una spazio appositamente dedicato al riposo: la “nap room”, letteralmente la stanza del pisolino.
Sono già molti i gadget in commercio specificamente studiati per conciliare il sonno da “nap room”. Ecco i più curiosi:

Pillow Collage

  1. Ostrich Pillow – $ 99
  2. Total Pillow – € 19.90
  3. Cuscino Donkey Products – € 24.50

Ad incentivare il pisolino in ufficio sia aggiunge anche la funzione del pc “Power Nap”. Di cosa si tratta?
È una modalità “Stop” potenziata, durante la quale il computer è effettivamente in Stop ma riesce comunque ad effettuare alcune operazioni di base in background, come ad esempio generiche operazioni di aggiornamento dati o di aggiornamenti software.

Arriveranno anche in Italia le nap room?
Per ora una recente sentenza della corte di Cassazione ha stabilito che il sonnellino non costituisce motivo di licenziamento.

Ricorda, quindi, nel caso il tuo capo ti dovesse “beccare” a sonnecchiare, che un break lontano da scrivania e computer è salutare e non fa altro che migliorare le tue prestazioni in campo lavorativo.

Attento a non esagerare però! :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *